Discontinuità e rinnovamento le parole chiave. Lanciata la campagna #SeIoFossiSindaco

Il Comitato #RossanoPulita per Flavio Stasi Sindaco si è presentato ufficialmente alla città nella serata di sabato 19 dicembre con una manifestazione pubblica in piazza Bernardino LeFosse. Un evento che ha visto i  promotori della coalizione civica confrontarsi con i tanti cittadini intervenuti sia intorno al gazebo informativo,  sia con una vera e propria presentazione pubblica.


Per l’occasione è stata lanciata ufficialmente anche la campagna #SeIoFossiSindaco  con  la quale il Comitato ha intenzione di recepire le proposte di tutti coloro che vorranno dare una mano,  per trasformarle, poi,  in un’azione programmatica innovativa ed efficace.
Durante la serata sono intervenuti Elisabetta Salatino in rappresentanza di Terra e Popolo, Giovanni Petrelli per Raggio di S.O.L.E. e Ciccio Ratti a nome di La Città che Vogliamo per illustrare le motivazioni e le aspirazioni alla base della coalizione civica #RossanoPulita.
Le conclusioni dell’evento sono state poi affidate a Flavio Stasi. “Abbiamo un’idea precisa di città. Abbiamo idee e progetti e sappiamo come realizzarli – ha affermato nel suo intervento il candidato a Sindaco – ma ci poniamo in una posizione di discontinuità con il passato politico di Rossano, passato che l’ha trascinata nello stato in cui si trova ora”.
L’idea è quella di portare le esperienze e le competenze acquisite in tutti gli anni spesi a battersi per la sanità, il Tribunale, i trasporti, i rifiuti in un progetto di rinnovamento della classe dirigente che possa con idee chiare e metodi efficaci ridare uno slancio a questa città.
“Nelle nostre liste ed in una futura compagine amministrativa non c’è e non ci sarà posto – ha ribadito ancora Stasi – per chi ha avuto ruoli di amministrazione in passato, dati i risultati ottenuti. Chi vuole mettere la propria esperienza a disposizione è il benvenuto ma la nuova classe dirigente sarà composta da facce nuove”.

Rossano 19 dicembre piazza bernardino le fosse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *