Cresce la coalizione civica per la città.

Parte la campagna di incontri quartiere per quartiere.

Il rinnovamento profondo della classe dirigente; la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente; una nuova politica di gestione dei rifiuti e del territorio; la trasparenza amministrativa e la digitalizzazione; la priorità delle opere primarie (in particolare, acqua e fogna); la centralità dei centri storici, della cultura e delle politiche per l’occupazione giovanile; la revisione del PSA in virtù della nuova città; la nuova organizzazione del trasporto urbano; l’integrazione di reti ed infrastrutture materiali ed immateriali: questi sono alcuni dei temi sui quali, in queste settimane, la coalizione civica nata ormai quasi un anno fa ha dato vita ad un confronto aperto e franco con il mondo politico, civico ed associativo della città. 

Sono stati molti gli incontri che abbiamo richiesto o accettato senza posizioni precostituite né tatticismi, ponendo al centro sempre e solo il merito politico e la visione della nuova città nonché la credibilità delle persone in grado di rappresentare tale percorso, elementi che per noi rappresentano la base di ogni confronto.

Con tutti ci siamo rapportati allo stesso modo, precisando che l’obiettivo del nostro percorso non è “solo” quello di vincere le elezioni, bensì quello di governare il territorio, quindi escludendo inutili accozzaglie elettorali, clientele di vario genere già all’opera lungo tutta la città e qualsiasi forma di commistione con la criminalità organizzata, sia di tipo tradizionale che di tipo politico-economico.

Stiamo prospettando una città nuova e diversa, che non sia la sommatoria di due Comuni inefficienti e poco trasparenti. La città degli ultimi, che include e recupera, che dia servizi agli anziani, ai bambini, ai disabili. Una città che partecipa al proprio governo attraverso nuove forme di impegno civico con i quartieri. Per farlo c’è bisogno di chiudere con le clientele e fare largo al merito.

Un percorso che pur restando aperto e con molte interlocuzioni ancora in corso, riteniamo sia ormai giunto ad una fase successiva ed ancor importante: quella degli incontri e del confronto con la nostra gente, con la quale discutere di come risollevare un territorio ed una città completamente abbandonati a loro stessi, prima da una classe politica ed oggi da una amministrazione commissariale totalmente inadeguate, torbide ed incapaci.

Per questa ragione già a partire da sabato prossimo, il nostro candidato sindaco insieme a tutti i movimenti ed ai singoli cittadini che, giorno dopo giorno, rinvigoriscono questa coalizione, daranno vita ad una campagna di incontri lungo tutto il territorio di Corigliano-Rossano, strada per strada, contrada per contrada, quartiere per quartiere.

Con il processo di fusione le città di Corigliano e Rossano hanno deciso di mettersi coraggiosamente in discussione, ma sulla strada del cambiamento concreto non abbiamo fatto che pochi passi. 

Per risollevare davvero le sorti del nostro territorio c’è bisogno di una nuova classe dirigente libera, coraggiosa, credibile e competente. Negli ultimi anni, mentre tutti coloro che presto saliranno sui palchi a fare promesse e garantire impegni continuavano a farsi i fatti propri nella più totale e complice indifferenza, non è difficile individuare chi invece, giorno dopo giorno, mese dopo mese, si occupava quotidianamente della città, della comunità e dell’intero territorio da Crotone a Taranto.

Questo è il momento di dare fiducia a chi ha già dimostrato di saper difendere e valorizzare la nostra terra, questo è il momento di cambiare la storia della nostra città.

Movimenti e Cittadini.
Coalizione Civica per Flavio Stasi Sindaco


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *